Perché la creazione del filato in Italia conferisce l’origine preferenziale al tessuto

Si parla sempre di made in Italy, ma spesso e volentieri, soprattutto per il settore del tessile, dell’abbigliamento e degli accessori c’e’ ancora un po’ di confusione a riguardo. Spesso sono anche i professionisti a non avere le idee chiare in merito, ma cosa significa veramente Origine Preferenziale Italia? A cosa serve?

Per origine preferenziale si intende uno status della merce grazie al quale viene assegnato il diritto a un trattamento tariffario preferenziale; tale trattamento si sostanzia in un dazio ridotto ovvero in un’esenzione dal dazio in virtu’ di specifici accordi di libero scambio sottoscritti fra il paese di esportazione e il paese di destinazione della merce.

Tali accordi prevedono, al fine di evitare diversioni di traffici e con l’obiettivo di premiare i soli prodotti effettivamente fabbricati all’interno del territorio dei paesi aderenti all’accordo, dei protocolli nei quali sono elencati i criteri per la determinazione dell’origine preferenziale e in particolare sono elencate le trasformazioni considerate sufficienti a conferire l’origine preferenziale alla merce.

La lavorazione che viene apportata all’interno della UE deve infatti avere l’effetto di cambiare la nomenclatura combinata del prodotto: in altre parole il prodotto che risulta dal processo produttivo (prodotto finito oggetto dell’esportazione) deve essere classificato ad una voce doganale diversa, in almeno una delle prime 4 cifre, rispetto alle materie prime o semilavorati di origine extra Ue impiegati.

Parliamo quindi di un riconoscimento della merce che in primis ha valore a livello di mercato, facendo in alcuni casi risparmiare dei costi a livello di tassazioni di sdoganamento, ma che transitivamente certifica quel valore di Made in Italy che da sempre e’ sinonimo di alta qualitа’ e di artigianalitа’ a cui il paese Italia e’ da sempre associato; parliamo quindi di una certificazione che conferisce anche valore di “immagine” al prodotto che andremo a produrre.

Maeko da sempre crede nella terra, nelle sue risorse naturali, nell’artigianalitа’ e nella conservazione del saper fare Italiano, per questo da quest’anno la storica filatura Biellese Filarte e’ diventata parte integrante di Maeko. Grazie alla filatura siamo in grado di creare dei filati 100% italiani e con origine preferenziale Italia. Questo significa che possono dare ai nostri clienti oltre che degli ottimi prodotti da filiera trasparente, un valore aggiunto che conferisce alle successive fasi del progetto tessile, tessuto, capi di abbigliamento, accessori o elementi di arredo, l’origine preferenziale Italia: quel valore di prodotto e di percezione che il vero Made in Italy rappresenta in tutto il mondo ed una storia da raccontare.

Fonti: mglobale.it