news

Moda naturale

modanaturale

Si è chiusa con il convegno La moda naturale. Crescita economica e sostenibilità, un binomio possibilepromosso da CNA Federmoda e CNA Impresa Donna Lombardia, l’esposizione di moda sostenibile aperta dal 2 al 5 ottobre a Palazzo Isimbardi.

Mauro Vismara
ringrazia simpaticamente tutti coloro che hanno assistito al dibattito
e lo hanno sostenuto in questa nuova esperienza

Al centro del dibattito, inserito nel programma di Agricoltura Milano Festival, la moda sostenibile come mercato di sbocco per le aziende agricole. Moderati da Marina Bigi, Direttore di TuStyle, i relatori hanno sviscerato il tema dal punto di vista economico e produttivo. Comune denominatore tra gli imprenditori di CNA invitati come oratori l’utilizzo di materie prime. Pier Giorgio Silvestrin, Vice Presidente CNA Federmoda Nazionale con delega alle Ricerche Progetto Vestire i bisogni eIndumenti speciali e titolare di Lydda Ware, ha posto l’accento sul tema della ricerca, con particolare riguardo alla fibra di bamboo: “ Lydda Ware è un’azienda specializzata in abbigliamento per disabili motori e per malattie della terza e quarta età”, spiega Silvestrin. “Abbiamo investito sull’utilizzo di una fibra tessile che unisse all’origine naturale una primaria esigenza curativa. Oggi il bamboo viene prevalentemente importato, ma dobbiamo considerare che si tratta di una pianta coltivabile senza uso di fertilizzanti chimici, pesticidi o defolianti con una crescita talmente rapida da consentire il raccolto ogni tre anni”. Gli fa eco Mauro Vismara, imprenditore milanese titolare di Maeko Tessuti, leader in Italia per la vendita di tessuti in canapa, una fibra di cui la mostra allestita nelle due sale adiacenti al convegno ha rivelato numerose applicazioni. “La Canapa è probabilmente la fibra che, più di ogni altra, rispecchia il credo biologico insieme alle esigenze di versatilità e praticità richieste dal mercato” dice Vismara. “Resistente e facile da coltivare, è una pianta dalle radici robuste che riducono l’erosione del terreno; alternandola ad altre colture, può contribuire a risanare terreni inquinati e ad arricchirli naturalmente aumentandone la loro produttività grazie a un forte apporto di azoto”.

Alla presenza dell’Assessore milanese allo Sviluppo economico con delega alla moda Cristina Tajani, che dal suo insediamento ha sempre seguito CNA per i temi che questa ha portato all’attenzione del tessuto produttivo, la Presidente di CNA Milano – Monza Brianza Daniela Cavagna ha dichiarato: “A meno di un anno da Expo 2015, Agricoltura Milano Festival ha appassionato e coinvolto un pubblico sempre più attento alla sostenibilità. La città si conferma un grande luogo di incontro e dialogo aperto a tutti e capace di interpretare le esigenze delle piccole imprese in un’ottica di rilancio. Questa sulla moda è un’iniziativa che riflette l’interesse di un numero sempre crescente di consumatori. Sono fiera che il nostro sistema abbia risposto così ampiamente a questo progetto”.

 

Sono state infatti 19 le piccole etichette ‘slow fashion’ del Sistema CNA, provenienti da tutta Italia e raccolte sotto il brand UNICI – Milano Fashion H.U.B. creato da CNA Milano per valorizzare le qualità e le specificità della moda artigiana, che hanno esposto le proprie collezioni a Palazzo Isimbardi.

Tustyle parla di noi

Marina Bigi, direttore di TuStyle sarà coordinatrice dell’intervento
LA MODA AL “NATURALE” che si terrà, in collaborazione con
Agricoltura Milano Festival, il 4 ottobre 2014 alle 17.00
presso la Sala Affreschi di Palazzo Isimbardi Milano.

TuStyle parla di noi e di CaDò nel settimanale ora in edicola.

tustyle_01

Agricoltura Milano festival

Maeko Tessuti partecipa
il 4 ottobre 2014 – Ore 17.00
presso Sala Affreschi di Palazzo Isimbardi, Corso Monforte 35 – Milano
a
ll’incontro

LA MODA AL “NATURALE”
Crescita economica e sostenibilità:
un binomio possibile

Saluto:
Silvia Garnero, Assessore alla Moda, Eventi ed Expo della Provincia di Milano

Intervengono:
Anna Detheridge, Connecting Cultures
Paolo Foglia, Responsabile Ricerca & Sviluppo di ICEA – Istituto Certificazione Etica e Ambientale
Marco Ricchetti, Sustainability Lab
Mauro Rossetti, Direttore dell’Associazione Tessile e Salute – Osservatorio nazionale tessile-abbigliamento-pelle-calzature
Pier Giorgio Silvestrin , Imprenditore e Vice Presidente CNA Federmoda Nazionale
Mauro Vismara, Titolare della Maeko Tessuti, Produzioni tessuti con filati naturali

Conclude:
Cristina Tajani, Assessore alle Politiche per il lavoro e Sviluppo economico del Comune di Milano

Coordina:
Marina Bigi
, direttore di TuStyle

www.agricolturamilanofestival.it

 

Gli inchiostri?

Li facciamo con fiori, frutta e verdura
inchiostro

Una azienda innovativa sperimenta prodotti tessili – tessuti e inchiostri di tintura – utilizzando esclusivamente prodotti della natura. Una filosofia basata su concetti green e km 0.

Maekò è un’azienda giovane e dinamica che si occupa principalmente della produzione e della commercializzazione di tessuti naturali quali, canapa, ramiè, bambù, lino e cotone biologico, selezionando attentamente solo materie prime biologiche o provenienti da colture che non hanno subito alcun impiego di pesticidi o trattamenti chimici. Da qui nasce l’idea che presentiamo in questa intervista a Mauro Vismara, titolare dell’azienda….
 continua a leggere